Audiodescrizione “Il sogno di una vita” 22 febbraio ore 17.00 Teatro Ghione Roma

by on Feb 12, 2015 in Teatro

Audiodescrizione “Il sogno di una vita” 22 febbraio 2015

Teatro Ghione Roma ore 17.00


con Giuseppe Maggio, Giacomo Ferrara, Luigi Belpulsi, Simone Carosio, Enrico Oetiker, Alessandro Prete, Marco Stabile, Federico Perrotta, Marco Vivio con la partecipazione di Roberto Pedicini
  scritto e diretto da Alessandro Prete

 

Note di regia: Tutto parte dalla domanda: “ Stiamo riuscendo a vivere la nostra vita?”. Ma perché ci dimentichiamo sempre da dove siamo partiti e dove vogliamo arrivare? Ma perché ci deve sempre accadere qualcosa di brutto per ricordarci a chi vogliamo veramente bene e che cosa ci interessa veramente? Ma perché dobbiamo vivere la nostra vita pensando di essere immortali e che abbiamo tanto tempo per fare le cose e riusciamo a rimandare tutto, dando molte cose per scontate?

Lo spettacolo: “Il sogno di una vita” è un viaggio attraverso tutte queste domande… Per trovare forse un’unica risposta: Vivere la nostra vita… fino in fondo, nella sua pienezza, scoprendo i nostri reali talenti, senza paura, senza timori, senza tante ossessioni che servono solo ad offuscare la mente a deviare le azioni.

Lo spettacolo viaggia su due dimensioni una reale e realista e un’altra surreale, onirica.

I personaggi si muovono attraverso questi due mondi paralleli: quello realista, in cui si muovono rappresentando il mondo che ci circonda e quello surreale in cui tutto diventa più specifico, più intimo….Il tutto è condito da una regia veloce che si propone di catapultare lo spettatore in questi due mondi attraverso un linguaggio molto cinematografico, ma ovviamente anche teatrale.

Nel primo atto, cinque ragazzi di circa 18 anni hanno imparato a vivere in un orfanotrofio, facendo di questo istituto la loro casa e di loro stessi la loro famiglia; improvvisamente si svegliano e il loro nido si sgretola di nuovo. Ce la faranno? Forse alcuni di loro si e altri forse no.

Tutto si svolge in una notte, l’ultima, forse.

La storia inizia con i quattro che preparano le valige, non se ne devono andare necessariamente il giorno dopo, ma loro le preparano lo stesso, come se fosse davvero così…

Ne manca uno, dove sarà? Lo scopriremo più in là.

Intanto i quattro sono  dentro la loro stanza, il loro rifugio: parlano del giorno prima, ricordano quando erano piccoli, le loro avventure, il loro passato insieme, ridono, scherzano, si prendono in giro, finchè non appare Luca: il quinto.

La sua comparsa drammatizza gli eventi e la sua persona fa ripiombare tutti gli altri nella realtà, nel presente.

Luca è un ragazzo molto sensibile, debole sotto certi aspetti, con un gravissimo problema di droga. I soldi per la droga li rimedia facendo le marchette a Valle Giulia, a Roma. Ogni tanto scappa dall’istituto ma poi ritorna a casa: l’orfanotrofio, nelle braccia della sua famiglia: gli altri quattro.

I tempi stringono e ognuno prenderà la sua strada. Cosa possono fare per aiutare Luca?

Le soluzioni o le non soluzioni sono tante, ma anche i quattro hanno le loro paure, le loro incertezze e quindi la soluzione sembra allontanarsi, finché ad uno dei cinque non viene in mente di ridare fiducia a Luca, a se stesso e agli altri usando l’illusione di un gioco, ma questa volta esplorando questo gioco in maniera diversa, credendoci veramente: la progettazione di una rapina in banca.

Il gioco sembra per un momento riuscire nel suo intento: i ragazzi si impegnano nella progettazione della rapina come se tutto fosse reale, ma nel momento più bello accade un fatto che riporta tutti e cinque alla verità delle cose: La vita é un gioco? Forse si o forse no, vedremo…

Nel secondo atto, i quattro ragazzi, cresciuti insieme in un orfanotrofio, si ritrovano, ormai trentenni, in occasione di una spiacevole circostanza: la grave malattia di uno di loro. Dopo un’infanzia difficile che ha cementato la loro amicizia, i quattro giovani hanno preso strade diverse: uno fa lo scrittore e il poeta, un altro è avvocato, un altro ancora fa il sindacalista ed infine l’ultimo è diventato prete. Percorsi diversi, esistenze diverse, ognuna con le proprie gioie e dolori. Ed ora, al capezzale dell’amico malato, si trovano costretti a confrontarsi con il problema della morte, ognuno con le proprie idee, soluzioni, riflessioni, caratteri; e a confrontarsi con la propria vita, una vita che fino a quel momento sembrava conquistata, acquisita, una cosa garantita, una “cosa” e basta… E proprio di fronte a questa situazione limite, per assurdo, prende corpo, significato e valore per ognuno di loro…. il sogno di una vita.

MANUEL: Il più introverso, il più dannato, forse quello che si rende conto della realtà che lo circonda. Il suo sfogo più grande é nello scrivere poesie.

Però non mancano nel suo carattere aspetti giocosi.

Forse é un po’ il capo del gruppo.

YURI: Ha un carattere sfrontato, a volte troppo. Ma tutta questa arroganza é solo una difesa, perché in realtà ha una grossa sensibilità.

Ha un modo del tutto particolare di affrontare la vita: un trascinatore senza meta.

SIMONE: Il più pratico di tutto il gruppo, sa quello che vuole, preferisce nascondere la sua sensibilità e le sue debolezze per non soffrire.

Ha un buon rapporto con tutti, ha una stima speciale per Manuel, al contrario litiga spesso con Luca.

RENZO: Il suo scopo nella vita é diventare prete e fa tutto in visione di tale avvenimento, il più divertente del gruppo o per lo meno sembra essere il meno problematico. Non mancano in lui aspetti pittoreschi che lo caratterizzano. Si scontra molto con il comportamento di Yuri.

LUCA: Risulta essere il più debole di tutti i cinque. Ha delle enormi paure ed insicurezze che lo portano a drogarsi e i soldi li trova facendo le marchette.

Un personaggio molto trasparente con una grossa sensibilità. La sua più grande paura é perdere i suoi amici, é convinto che senza di loro la sua vita non abbia senso.

primo atto:

Cast artistico, i 5 orfani a 20 anni:  Giuseppe Maggio,Giacomo Ferrara, Luigi Belpulsi, Simone Carosio, Enrico Oetiker,  con la partecipazione di Roberto Pedicini.

secondo atto:

Cast artistico, i 4 orfani a 30 anni: Alessandro Prete, Marco Stabile, Federico Perrotta, Marco Vivio.

Cast Tecnico: Scritto e diretto da Alessandro Prete, Regia Alessandro Prete, Aiuto Regia Valentina Morgia,  Assistente alla regia Cristina Del Grosso, tecnico del suono Tiziano Stampete, disegno luci Marco Laudando,scenografia Sara Santucci, Organizzatore Federico Perrotta, Ufficio Stampa  Valentina Coccia.

Tags


    Non è possibile commentare questo post.



Top